venerdì 24 settembre 2010

{ L'altalena del respiro }

L'altalena del respiro


Come promesso continuo il mio viaggio tra fotografie e titoli di libri. Mi piace abbinarli e scovarne sempre di nuovi!
Il titolo del libro di Herta Muller, L'altalena del respiro, mi sembra perfetto per un primo piano come questo. Il respiro qui non si vede, ma sappiamo che c'è..e la fotografia è in grado di catturare un momento di questa "altalena" e fissarlo per sempre nel tempo, mantenendo in vita con un solo unico respiro...
E' un ritorno al bianco e nero questo scatto, all'uso sempre fondamentale della luce e alla scoperta di volti nuovi ! L'uso della lana e dei tessuti intrecciati fa parte del mio modo di fotografare e mi permette di incorniciare il viso in modo semplice ma elegante. Ne vedrete altre di questo genere, non dimentico mai di scatterne una!
Ho utilizzato un bianco e nero puro e il resto l'ho fatto fare alla luce..chi ha lavorato con me sa con quanta attenzione cerco il posto migliore per scattare e con quanta altrettanta velocità scappo dalle zone buie e piatte!
La foto è stata scattata con Nikkor 18-105, obbiettivo che uso in particolare per i primi piani molto stretti. Non ritaglio mai le foto in post produzione e l'attenzione al taglio al momento dello scatto diventa quindi fondamentale.
Il 18-105 mi aiuta in questa mia personalissima scelta.
Spero che, a tutti voi, l'occhio e l'attenzione cadano sullo sguardo, sulla bocca e sull'atmosfera creata dalla luce di un tardo pomeriggio di sole...



blogger barra

mercoledì 8 settembre 2010

{ Anima a colori }

flickr



Sfruttare i colori di un ambiente, di un prato, di un muro, di una casa, di una fabbrica o di tanto altro..la fotografia fatta all'esterno permette anche questo. Basta guardarci attorno mentre facciamo una passeggiata, tanti colori intorno a noi, tanti materiali diversi e allora perchè non sfruttarli? Perchè fotografare le persone dietro ad un piatto telo bianco o nero? Certo la preparazione è più complessa, bisogna raggiungere il luogo, osservare la luce e scegliere di conseguenza l'orario migliore per scattare...ma ne vale la pena!!! :)
Per fare foto speciali occorre anche trovare luoghi speciali...questo però non significa necessariamente luoghi incantevoli, foreste selvagge o tramonti mozzafiato...bastano piccoli spazi, piccoli angoli della città (come in questo caso) o della campagna.
Un pomeriggio, mentre facevo la spesa, mi sono innamorata di questa scala che mi ricorda L'America e le grandi metropoli e ho deciso di sfruttarla sia sotto l'aspetto strutturale sia sotto l'aspetto cromatico. Avevo a disposizione un bel rosso mattone e un azzurro intenso...non potevo lasciarmeli sfuggire!
Ho poi applicato una texture per dare allo sfondo quell'aspetto un po' grezzo e rovinato che amo molto.
In primo piano la location questa volta...e i colori e le emozioni che porta con sè.



blogger barra